Maglie – Il nuovo anno al liceo Capece inizia nel segno dell’intercultura e del dialogo con il progetto “Obiettivo Europa”. Ospiti in questi giorni il Sindaco e l’intero Consiglio comunale di Ville de Rumilly, la città gemellata con Maglie che ha registrato già due incontri precedenti con i rappresentanti delle rispettive Amministrazioni comunali e delle scuole.

Si riconferma così la vocazione del Capece, pilastro della cultura classica nel passato, aperto verso il mondo dagli anni Settanta del secolo scorso con l’istituzione delle sezioni sperimentali da cui è nato l’assetto attuale: liceo classico tradizionale, liceo scientifico, liceo linguistico EsaBac con possibilità di scegliere come terza lingua il cinese, linguistico internazionale a opzione spagnola. Da aggiungere una serie di iniziative che vanno ben al di là dell’insegnamento delle lingue; valga come esempio l’evento che ormai si ripete da dieci anni, quel banchetto interculturale che segna la sintesi di un percorso che coinvolge, alunni, docenti e genitori.

INVARIATO IL NUMERO DEGLI ISCRITTI

Merito della tradizione e dell’offerta articolata e collaudata se il numero degli alunni è rimasto invariato, mantenendosi intorno ai 1100. Almeno per quest’anno, perché per il prossimo è atteso un drastico ridimensionamento: arriveranno, infatti, alle Superiori i nati del 2006 , anno che ha segnato un consistente calo di nascite.

LA QUESTIONE “SICUREZZA”

Gabriella Margiotta

In questi giorni le scuole sono al centro dell’attenzione e di dati preoccupanti per quanto riguarda la questione sicurezza e il possesso della certificazione necessaria. Non tutti gli istituti, infatti, e non in modo adeguato ne risultano forniti. «Non ci sono problemi per quanto riguarda la sede centrale – dice la dirigente Gabriella Margiotta – qualcosa c’è da sistemare per le due succursali. Ma abbiamo affidato la sicurezza, dopo un regolare bando, allo studio D’Ambrosio, così come abbiamo affidato a un bando il servizio del medico competente». Allo studio, per il momento un punto di ascolto con figure professionali».

TRASPORTI IN RITARDO

Alunni in ritardo per i disagi nei trasporti anche per il Capece Le difficoltà riguardano gli studenti che arrivano dai centri del Capo di Leuca per i problemi che in questi giorni sono venuti ancora una volta all’attenzione della cronaca. «È un problema annoso – sottolinea la dirigente – e c’è tolleranza. Nessun ragazzo che arriva tardi rimane fuori dalla scuola. Se il tempo del ritardo è consistente, attendono di entrare alla seconda ora impegnandosi attività complementari».

 

 

https://www.piazzasalento.it/ospiti-stranieri-al-capece-il-liceo-di-maglie-conferma-il-numero-di-iscritti-e-una-collaudata-offerta-formativa-141290